GIOVANNI CARLO FEDERICO VILLA



Giovanni Carlo Federico Villa è professore associato di Storia dell’arte moderna e di Museologia e storia della critica d’arte e fa parte del Collegio didattico di dottorato in Studi umanistici transculturali dell’Università degli Studi di Bergamo. È inoltre docente di Museologia e Museografia presso la Scuola di specializzazione in Beni storico-artistici dell’Università degli Studi di Udine. Dal 2019 è componente del Consiglio superiore Beni Culturali e Paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività culturali. Specialista di tecnologie non invasive applicate ai Beni culturali, ha orientato tutta la sua attività alla tutela delle opere d’arte attraverso la strutturazione di progetti che hanno saputo porre in dialogo Università, Soprintendenze, Musei, enti pubblici e privati toccando i temi sensibili dell’avanzamento della ricerca tecnico-scientifica in ambito storico-artistico accompagnati ad una significativa attività di divulgazione istituzionale, culminata nella curatela di iniziative espositive in Italia e nel mondo. Tra le varie, per le Scuderie del Quirinale di Roma ha curato, o coordinato scientificamente, le mostre Antonello da Messina (2006), Giovanni Bellini (2008), Lorenzo Lotto (2011), Tintoretto (2012) e Tiziano (2013); ha curato mostre per il Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, per il Musée du Luxembourg di Parigi; per il Museo Pushkin di Mosca. E’ di oltre 200 pubblicazioni scientifiche, tra cui una decina di monografie alcune tradotte in otto lingue (cinese, croato, fiammingo, francese, giapponese, inglese, tedesco, russo) e numerose le sue presenze divulgative relative al patrimonio artistico nazionale sui principali canali radiotelevisivi italiani e stranieri. Nel 2019 ha curato la mostra dedicata ad Antonello da Messina a Palazzo Reale, Milano.