CONSIGLI DI LETTURA

LA STRANIERA

21/08/2019

Claudia Durasanti
(La nave di Teseo)

Il consiglio di lettura di oggi (tornati dalle vacanze?)
"Scrivere te stessa significa ricordare che sei nata con rabbia e sei stata una colata lavica densa e continua, prima che la tua crosta si indurisse e si spaccasse per lasciar affiorare una specie di amore, o che la tua forza inutile del perdono venisse a levigarti e ad appiattire ogni tuo avvallamento". La Straniera di Claudia Durastanti, finalista Strega 2019, è un libro intenso, potente, avvolgente. Parla di una famiglia, dei legami indissolubili, difficili e intricati che ci sono in ogni nucleo di vita; racconta di viaggi, di abbandoni e ricongiungimenti. Di amore ineluttabile, di diversità che portano alla deriva, ma che sono anche valore aggiunto, trampolino per vedere le cose in un modo diverso. Nella storia ci sono i sogni di una bambina, la sua vita che si dipana tra una Basilicata silenziosa e una Brooklyn caotica ed effervescente, tra Roma e Londra. E' un libro che è saga familiare dove ogni pezzo è memoria, ricordo, ferita. Dentro c'è la fragilità di chi è consapevole che siamo la nostra famiglia, diventiamo forza e tenacia per affrontarla. Dentro c'è l'amore per la vita, in tutte le sue sfaccettature. C'è il sogno, scandito dal tempo che passa, dalla maturazione della protagonista, dalla vita che cambia. In cui ci rispecchiamo e che ci appartiene, in pochi e spesso molti dei suoi frammenti.
Grazie a Fabiana Tinaglia (che il 30 agosto sarà con Reading.Voci dal lago!).